Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
  • Opinioni opinabili

    TripAdvisor subisce una multa dall'antitrust italiana per aver asserito con troppa enfasi l'attendibilità delle recensioni dei suoi utenti. Negli stessi giorni, Facebook aggiunge l'inattendibilità tra i motivi di offuscamento dei contenuti diffusi attraverso la rete sociale. Le opinioni degli utenti [...]

  • La decisione della verità

    A Odifreddi, che considera la sua credenza nell'Olocausto una mera "opinione", va almeno riconosciuto il merito di aver fatto della verità un tema pop, con migliaia di appassionati interventi, e anche quel po' di trash che immancabilmente ne deriva non è un male. Non so se la tassonomia [...]

  • Nefandezze innegabili

    Le vicende della legge sul negazionismo, che porterebbe a configurare come reato il fatto di negare che siano avvenuti crimini contro l'umanità, primo fra tutti l'Olocausto, porta alla ribalta delle cronache una domanda di quelle non proprio facili: cos'è la verità? Noi parliamo normalmente [...]

  • Le verità della politica

    «Pensare che dopo 20 anni di guerra civile in Italia, nasca un governo Bersani-Berlusconi non ha senso. Il governissimo come è stato fatto in Germania qui non è attuabile» (Enrico Letta, 8 aprile 2013). «I contrasti aspri tra le forze politiche rendono non idoneo un governissimo con forze politiche [...]

  • Realpolitik

    Tempi di crisi. Invece del solito gossip, la stampa ferragostana ci ha offerto un austero dibattito tra Gianni Vattimo ed il suo ex allievo Maurizio Ferraris. Oggetto: la crisi del "pensiero debole" postmoderno caro a Vattimo e l'avvento di un "nuovo realismo" (con annessa ontologia) [...]

  • Lamentarsi del web non serve

    Caso della settimana: Gianni Riotta, riprendendo alcune recenti esternazioni del pentito Jaron Lanier, lamenta che la "poltiglia di informazione" che blog e wiki riversano nel web rischia di "distruggere le idee, il dibattito e la critica".  Sarebbe facile rispondere, come mi [...]

  • Libero consenso

    La verità è l'adeguatezza dei detti ai fatti, mentre il consenso è, per qualche detto, qualche fatto e qualcuno, l'attribuzione di tale adeguatezza. Agli antichi piacque pensare che il consenso della maggioranza fosse un criterio per stabilire la verità dei detti (argomentum ad populum) ma già [...]